Città di Rionero in Vulture
Città di Rionero in Vulture

ORDINANZA N°2 DEL 05.01.2017

ORDINANZA N°002 DEL 05.01.2017

OGGETTO: Ordinanza contingibile ed urgente ex art. 191 del Decreto legislativo 3 aprile 2006, N°152 e s.m.i. per la prosecuzione del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani e accessori, di raccolta differenziata, spazzamento delle strade e servizi accessori sul territorio comunale.

IL SINDACO

PREMESSO che:

  • con deliberazione della Giunta Comunale N°284 del 24/12/2008, esecutiva, è stato approvato il capitolato d’oneri per l’espletamento del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani e accessori, di raccolta differenziata, spazzamento delle strade e servizi accessori sul territorio comunale;
  • a seguito esperimento di procedura aperta il servizio con determinazione del Responsabile del Servizio Lavori Pubblici N°769 del 16/09/2009 il servizio veniva aggiudicato alla ditta CONSORZIO SEARI S.r.l. risultata essere la prima nella graduatoria di merito formulata dalla Commissione con un punteggio complessivo di 96/100 di cui 66/70 per l’offerta tecnica e 30/30 per l’offerta economica in funzione del ribasso del 4,022% offerto sul canone annuo di € 1.550.000,00 posto a base di gara, determinando, quindi, un canone netto annuo di € 1.487.659,00 oltre IVA;
  • con la menzionata ditta in data 24/02/2010 è stato sottoscritto il contratto di appalto repertoriato al N°34 e fiscalmente registrato a Melfi il 25/02/2010 al N°8, serie 1;
  • in data 01/03/2010 si è proceduto alla consegna del servizio di cui trattasi la cui durata, ai sensi dell’art. 7 del capitolato speciale era stabilita in anni tre, fatta salva la facoltà dell’Amministrazione di disporre la ripetizione di servizi analoghi, sino ad un massimo di complessivi anni cinque, nel rispetto della disciplina dettata dall’art. 57, comma 5, lett. b) del D.Lgs. N°163/2006 e ss.mm.ii. e, in generale, dalla normativa vigente in materia di rinnovi contrattuali;
  • con delibera di Giunta Comunale N°133 del 10/05/2011 sono state approvate delle modifiche ed integrazioni al contratto di appalto senza alterazioni dell'importo contrattuale;
  • per effetto dei tagli nei trasferimenti statali al fine di assicurare gli equilibri di bilancio e la sostenibilità delle spese, si è resa indispensabile ed imprescindibile una riduzione dei costi dei servizi esternalizzati attraverso una rimodulazione delle prestazioni;
  • con atto di sottomissione del 07/01/2013 approvato con delibera di Giunta Comunale N°50 del 27/02/2013 è stata convenuta una rimodulazione del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani e accessori, di raccolta differenziata, spazzamento delle strade e servizi accessori nel territorio del Comune di Rionero in Vulture;
  • per effetto delle rimodulazioni di cui sopra il canone annuo di appalto del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani e accessori, di raccolta differenziata, spazzamento delle strade e servizi accessori nel territorio del Comune di Rionero in Vulture, giusto contratto rep. N°34 del 24/02/2010, affidato alla ditta CONSORZIO SEARI S.r.l. si riduce del 5% a partire dal 1° gennaio 2013, determinando, quindi, un nuovo canone annuo di € 1.413.276,05 oltre IVA;
  • con determinazione del Responsabile del Servizio Lavori Pubblici N°214 del 08/03/2013 veniva disposto di rinnovare, ai sensi di quanto disposto dall’art. 57, comma 5, lett. b) del D.Lgs. N°163/2006 e ss.mm.ii., alla ditta CONSORZIO SEARI S.r.l. il contratto di appalto rep. N°34 del 24 febbraio 2010 e successive modifiche ed integrazioni relativo al servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani e accessori, di raccolta differenziata, spazzamento delle strade e servizi accessori sul territorio comunale per il periodo 1° marzo 2013 - 28 febbraio 2015 agli stessi patti e condizioni, precisando che il canone netto annuo di appalto per effetto delle variazioni approvate con la citata delibera di Giunta Comunale N°50 del 2013 veniva rideterminato in € 1.413.276,05 oltre IVA;
  • con la ditta CONSORZIO SEARI S.r.l. in data 14/05/2013 è stato sottoscritto il contratto per il rinnovo del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani e accessori, di raccolta differenziata, spazzamento delle strade e servizi accessori sul territorio comunale repertoriato al N°140 e registrato a Melfi il 15/05/2013 al N°65 Mod. 1°;
  • con delibera di Giunta Comunale N°25 del 28/02/2015 veniva stabilito, così come previsto dall'art. 7 del capitolato d'oneri disciplinante le modalità di espletamento del servizio, la prosecuzione dello stesso per un ulteriore periodo di mesi sei agli stessi patti e condizioni;
  • il 31 agosto 2015 è scaduto il contratto rep. N°140 del 14/05/2013 relativo all'affidamento del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani e accessori, di raccolta differenziata, spazzamento delle strade e servizi accessori sul territorio comunale;

RICHIAMATE le precedenti Ordinanza N°109 del 02/09/2015, N°7 del 19/01/2016, N°101 del 02/09/2016 e N°114 del 07/10/2016 con le quali veniva disposta la prosecuzione del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani e accessori, di raccolta differenziata, spazzamento delle strade e servizi accessori sul territorio comunale fino al 31 dicembre 2016, affidato alla ditta CONSORZIO SEARI S.r.l. con sede in Atella nella Zona Industriale Valle di Vitalba Via dell’Industria;

DATO ATTO che:

  • in data 22/02/2016 è stato siglato tra CONAI e i Comuni di Lavello (capofila), Rionero in Vulture e Venosa protocollo di intesa per lo sviluppo della raccolta differenziata, per creare le condizioni tecniche, economiche e finanziarie necessarie per un sistema efficiente ed efficace di raccolta differenziata, al fine di raggiungere e superare gli obiettivi di legge e puntare ai nuovi target di effettivo riciclo e recupero;
  • CONAI ha predisposto una bozza di capitolato d'oneri che definisce differenti modalità di espletamento del servizio di raccolta dei rifiuti, bozza di capitolato che in fase di verifica da parte dell'Amministrazione per cui non è stato possibile ad oggi indire nessuna procedura concorsuale per l'affidamento dello stesso;
  • l’Amministrazione Comunale deve garantire la continuità del servizio di igiene ambientale, al fine di evitare gravi pericoli per la salute pubblica;
  • si ritiene assolutamente necessario il ricorso all’istituto dell’ordinanza contingibile e urgente per la proroga del contratto in essere per la gestione dei rifiuti urbani in quanto la situazione di pericolo per la salute pubblica e l’ambiente connessa alla gestione dei rifiuti, non fronteggiabile adeguatamente con le ordinarie misure e procedure, legittima comunque il sindaco all’esercizio dei poteri extra ordinem riconosciutigli dall’ordinamento giuridico (art. 50 del decreto legislativo 18 agosto 2000 N°267);

RITENUTO di dover provvedere urgentemente al prosieguo della regolare attività dello svolgimento del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani e accessori, di raccolta differenziata, spazzamento delle strade e servizi accessori sul territorio comunale, in quanto, per le caratteristiche del servizio di cui trattasi, lo stesso non può subire interruzioni di sorta, al fine di evitare situazioni di pericolo per la salute e igiene pubblica.

VISTO l’art.191, comma 1, del decreto legislativo 3 aprile 2006 N°152 e successive modifiche ed integrazioni che stabilisce “qualora si verifichino situazioni di eccezionale ed urgente necessità di tutela della salute pubblica e dell'ambiente, e non si possa altrimenti provvedere, il Presidente della Giunta regionale o il Presidente della provincia ovvero il Sindaco possono emettere, nell'ambito delle rispettive competenze, ordinanze contingibili ed urgenti per consentire il ricorso temporaneo a speciali forme di gestione dei rifiuti, anche in deroga alle disposizioni vigenti, garantendo un elevato livello di tutela della salute e dell'ambiente”;

VISTO il 3° comma del medesimo articolo 191 che stabilisce “le ordinanze di cui al comma 1 indicano le norme a cui si intende derogare e sono adottate su parere degli organi tecnici o tecnico-sanitari locali, che si esprimono con specifico riferimento alle conseguenze ambientali”;

CONSIDERATO che:

  • la situazione che si è verificata è riconducibile all’ipotesi contemplata nelle previsioni di cui al citato articolo 191 perché sussistono gravi e fondate ragioni di tutela della salute pubblica e dell’ambiente che impongono di intervenire con una ordinanza contingibile ed urgente in quanto al momento non è possibile altrimenti provvedere al fine di assicurare la continuità del servizio nelle more della predisposizione degli atti necessari per il nuovo affidamento;
  • il termine del servizio stabilito con l'Ordinanza Sindacale N°114 del 07/10/2016 di cui sopra è scaduto il 31 dicembre 2016 e che pertanto non vi sono i tempi nell’immediatezza, visto le motivazioni di cui in premessa, per definire l’assegnazione del servizio attraverso le procedure prescritte dal decreto legislativo 18 aprile 2016 N°50;

RITENUTA, tuttavia, la necessità di assicurare la continuità del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani e accessori, di raccolta differenziata, spazzamento delle strade e servizi accessori sul territorio comunale, mediante un provvedimento “extra ordinem”, a fronte della situazione venutasi a creare e prima descritta;

PRESO ATTO, pertanto, che esistono i presupposti per ordinare alla ditta CONSORZIO SEARI S.r.l. con sede in Atella nella Zona Industriale Valle di Vitalba Via dell’Industria di proseguire i servizi di igiene urbana per un periodo transitorio non superiore a tre mesi e pertanto sino al 31/12/2016 così come previsto dalle norme vigenti;

VISTI:

  • l’articolo 50, comma 5, del decreto legislativo 18 agosto 2000, N°267, recante “Testo Unico delle Leggi sull’Ordinamento degli Enti Locali, che conferisce al Sindaco il potere di emanare ordinanze contingibili ed urgenti in caso di emergenza sanitaria e di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale;
  • il decreto legislativo 3 aprile 2006, N°152 recante “Norme in materia ambientale”, che all’articolo 191 dispone che il Sindaco può emettere, nell’ambito delle rispettive competenze, ordinanze contingibili ed urgenti per consentire il ricorso temporaneo a speciali forme di gestione dei rifiuti, anche in deroga alle disposizioni vigenti, a tutela della salute e dell’ambiente;
  • l’articolo 7bis del citato decreto legislativo N°267/2000, in materia di sanzioni amministrative pecuniarie applicabili per il caso di violazioni delle ordinanze adottate dal Sindaco sulla base di disposizioni di legge;
  • l’articolo 650 del Codice Penale, che punisce l’inosservanza dei provvedimenti dati dall’Autorità per ragioni di giustizia o di sicurezza pubblica, o di ordine pubblico o d’igiene;

CONSIDERATO che il servizio di igiene ambientale non può essere sospeso, senza arrecare grave pregiudizio alla salute pubblica, per l’insorgere di inevitabili inconvenienti di natura ambientale ed igienico - sanitaria;

RILEVATO che, allo stato attuale, ricorrono eccezionali ed urgenti necessità di tutela igienico - sanitaria ed ambientale, per cui occorre assicurare la continuità del servizio, nelle more della definizione delle procedure per l’affidamento del nuovo appalto, nel rispetto della normativa vigente in materia;

O R D I N A

alla ditta CONSORZIO SEARI S.r.l. con sede in Atella nella Zona Industriale Valle di Vitalba Via dell’Industria in persona dell'Amministratore Delegato, in via temporanea ed urgente, al fine di evitare grave ed irreparabile pregiudizio e danno alla salute pubblica, nonché l’insorgere di inevitabili inconvenienti di natura ambientale ed igienico - sanitaria, di effettuare il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani e accessori, di raccolta differenziata, spazzamento delle strade e servizi accessori sul territorio comunale, come descritti negli allegati al contratto citato in premessa, per la durata di mesi sei (6), e pertanto dal 01/01/2017 sino al 30/06/2017 alle condizioni di cui al contratto rep. N°34/2010 e successive modifiche, e quindi, per un canone mensile di € 117.773,00 oltre IVA;

AVVERTE

che è fatto obbligo a chiunque spetti di rispettare e far rispettare la presente ordinanza e qualora dal mancato rispetto della presente ordinanza sindacale derivassero violazioni di natura ambientale, ai trasgressori saranno applicate le sanzioni previste dal decreto legislativo 3 aprile 2006, N°152 nonché le conseguenti sanzioni penali.

DISPONE

che la presente ordinanza venga notificata alla ditta CONSORZIO SEARI S.r.l. con sede in Atella nella Zona Industriale Valle di Vitalba Via dell’Industria in persona dell'Amministratore Delegato, sig. MOSCARIELLO DONATO nato a Monteverde (AV) il 22 febbraio 1960 ed residente a Monteverde (AV) alla Via Michelangelo;

che alla presente ordinanza venga data la massima pubblicità e pubblicata all’Albo Pretorio e sul sito internet del Comune, nonché venga trasmessa, per i provvedimenti di competenza:

-      al Presidente del Consiglio dei Ministri - Palazzo Chigi - Piazza Colonna, 370 - Roma;

-      al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare - Via Cristoforo Colombo, 44 - Roma;

-      al Ministro della salute - Viale Giorgio Ribotta, 5 - Roma;

-      al Ministro delle attività produttive - Via Vittorio Veneto, 33 - Roma;

-      al Presidente della Regione Basilicata, Via Vincenzo Verrastro - Potenza;

-      al Presidente della Provincia di Potenza, Piazza Mario Pagano - Potenza;

-      alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Potenza – Via Nazario Sauro, 71 - Potenza;

-      all'azienda Sanitaria Locale di Potenza –Via Francesco Torraca, 2 - Potenza;

-      alla Prefettura di Potenza – Piazza Mario Pagano, Potenza;

-      al Responsabile del Servizio Lavori Pubblici – Sede;

-      al Responsabile dei Servizio Finanziario – Sede.

Il presente provvedimento diventa immediatamente esecutivo con la pubblicazione all’Albo Pretorio Comunale.

Avverso il presente provvedimento, entro 60 (sessanta) giorni dalla notifica, è ammesso ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale di Basilicata o alternativamente, entro 120 giorni, ricorso straordinario al Capo dello Stato.

Rionero in Vulture, 05 gennaio 2017

IL SINDACO

Luigi DI TORO